Immagine di libri volanti
Professionisti al Vostro servizio
Libreria Editrice
Campedel
Campedel
CITTON GIAN
La chanson de MedzatŔra
CITTON GIAN, La chanson de MedzatŔra
Autore:
CITTON GIAN
Titolo:
La chanson de MedzatŔra
Descrizione:
e altre poesie in dialetto feltrino
Editore:
Book
Data di edizione:
maggio 2017
Pagine:
112
Dimensioni cm.:
13x21
ISBN13:
9788872327623
Codice:
296080
Collana:
La biblioteca del vernacolo 1
Prezzo:
DisponibilitÓ:
* Offerta valida 30 giorni (fino ad esaurimento scorte)
Ç 14.00. Nostra offerta con sconto 10%: Ç 12.60 *
disponibile
Dati aggiornati a maggio 2017
2 - 4217 0
Lingua
Italiano
Allegati:
Ordina
?
ModalitÓ, tempi e costi di consegna
Prenota e ritira

CITTON GIAN, La chanson de MedzatŔra, Book in campedel.it
Descrizione
La "chanson" di Mezzaterra e altre poesie in dialetto feltrino (con traduzioni in italiano)
con una nota di Luciano Caniato
Poesie in dialetto veneto (di Feltre) di uno dei pi˙ importanti poeti di questi anni. Un vero e proprio “Paese dei Balocchi”, come scrive Luciano Caniato, con tutte le fantastiche immagini che il dialetto in-globa nella sua boccia di vetro in cui nevica sempre.

De le ˛lte cˇ vae a caminar
co ’n fiÓ de sol d’invern, e passe
par stradŔle foraman vˇde de dzent,
in medzo a quatro mur de case
ingrumade al solivo su le coste,
deb˛ta da ’n canton me sponta ’n can
che ’l se ferma a spionarme
e che a bajarme par che ’l se parÚce.

Intant che me vizhine, desfident
lu ’l speta che ghe passe arente, p˛
el me se mÚt dadrýo an fiÓ lontan.
Sˇlche dˇ longhe onbrýe sul batonÓ.
Cussý mi e lu an pˇch anden a str˛zh :
solinghi tuti dˇi a perditenp,
tuti dˇi muso bass a vardÓrseli i pass.

Che bŔla conpagnia de solituden.

(A volte quando vado a camminare / con un po’ di sole d’inverno, e passo / per stradine fuorimano vuote di gente, / in mezzo a quattro muri di case /
ammucchiate sulle pendici soleggiate, / d’un tratto da una cantonata mi spunta un cane / che si ferma a spiarmi / e che pare sia pronto ad abbaiarmi contro. // Mentre mi avvicino, diffidente / lui aspetta che gli passi accanto, poi / mi si mette dietro poco lontano. / Soltanto due lunghe ombre sul selciato. / Cosý io e lui un po’ andiamo girovagand: / solitari tutti due a tempo perso, / tutti due muso basso a guardarceli i passi. // Che bella compagnia di solitudine.
Scheda creata Giovedi' 13 luglio 2017
La collana La biblioteca del vernacolo

ę Libreria CampedŔl - Piazza dei Martiri,27/d - 32100 Belluno
telefono +39.0437.943153 fax +39.0437.956904 e-mail info@campedel.it