Immagine di libri volanti
Professionisti al Vostro servizio
Libreria Editrice
Campedel
Campedel
Sciascia Leonardo
A futura memoria (se la memoria ha un futuro)
Sciascia Leonardo, A futura memoria (se la memoria ha un futuro)
Autore:
Sciascia Leonardo
Titolo:
A futura memoria (se la memoria ha un futuro)
Descrizione:
Editore:
ADELPHI
Data di edizione:
marzo 2017
Pagine:
205
Dimensioni cm.:
14x22
ISBN13:
9788845931499
Codice:
293331
Collana:
Saggi 78
Prezzo:
Disponibilità:
* Offerta valida fino al 15/03/2019 (fino ad esaurimento scorte)
24.00. Nostra offerta con sconto 15%: € 20.40 *
normalmente disponibile per la spedizione in 5 giorni lavorativi
Dati aggiornati a marzo 2017
0 - 26 0
Lingua
Italiano
Allegati:
Ordina
?
Modalità, tempi e costi di consegna
Prenota e ritira

Sciascia Leonardo, A futura memoria (se la memoria ha un futuro), ADELPHI in campedel.it
Descrizione
Molto infastidiva Sciascia l'essere considerato un «mafiologo»: «Sono semplicemente uno che è nato, è vissuto e vive in un paese della Sicilia occidentale e ha sempre cercato di capire la realtà che lo circonda, gli avvenimenti, le persone» diceva. Così come lo infastidiva quell'«intuizione di letterato» che, nel migliore dei casi, gli veniva attribuita allorché scagliava taglienti ed eretiche verità contro il «folclore tenebroso» in cui venivano di solito assunti i fatti di mafia.
Tirare il collo alla retorica e alla mistificazione, questo gli premeva. E regolarmente i suoi articoli scatenavano furenti polemiche - se non l'accusa, infamante, di fare «il gioco della mafia». Sicché non gli restava che citare l'amato Savinio: «avverto gli imbecilli che le loro proteste cadranno ai piedi della mia gelida indifferenza».
Il fatto è - come dimostrano gli interventi qui radunati, fra cui quello sui 'professionisti dell'antimafia' - che Sciascia è lo scrittore italiano cui più che a ogni altro si attaglia l'aggettivo «scomodo»: che prenda posizione sulla morte di Calvi o sull'assassinio del generale Dalla Chiesa o sul caso Tortora o sul maxiprocesso di Palermo e sulle testimonianze di Buscetta e Contorno o, infine, sul rischio che l'antimafia si trasformi in strumento di potere, non potremo che riconoscere fino a che a punto sia rimasto fedele alla definizione che nel 1977 dava dell'intellettuale: «uno che esercita nella società civile ... la funzione di capire i fatti, di interpretarli, di coglierne le implicazioni anche remote e di scorgerne le conseguenze possibili.
La funzione, insomma, che l'intelligenza, unita a una somma di conoscenze e mossa - principalmente e insopprimibilmente dall'amore alla verità, gli consentono di svolgere».
Scheda creata Martedi' 14 marzo 2017
La collana Saggi

© Libreria Campedèl - Piazza dei Martiri,27/d - 32100 Belluno
telefono +39.0437.943153 fax +39.0437.956904 e-mail info@campedel.it